giovedì 19 febbraio 2015

Pensavo fosse un'erezione




Dopo 26 anni di vita ho capito solo questa mattina, scrivendone questa notte, che solo col passato è possibile fare pace, perchè lo hai archiviato, per questo ne piangi o ne ridi. Il resto è troppo vicino, ci sei troppo dentro...lo costruisci subendolo, anche se pensi e agisci per il contrario.
E’ una vita in continua crisi d’astinenza.
Tutti spaventati dalle solite quattro cose. La prima è la paura stessa.
L’amore non paga più. Non si vive più, si muore imperturbati, immobili. Un “se” e due “ma” sparati in faccia mentre una vita scompare, trascinata a fondo da quei rimpianti e rimorsi che giuravi di non avere.
La vita contro le droghe è particolare, è la vita di uno studioso e vola via in una striscia di passione.
Le persone che feriamo sono le stesse dei giuramenti più nobili mentre si fotte in bagno urlando all’amore. Mentre si prega nella bocca di una madonna per caso.
Il nostro assassino è sempre colui il quale ci scivola alle spalle nella Kansas city di un “ti amo”, ma qui la questione è più onesta, la cosa è spesso vicendevole. Società di assassini vicendevoli. Senza scrupoli.
La nostra filosofia è sintetizzata nel fatto che se un tizio salta giù dalla finestra lo dobbiamo seguire immediatamente. Follia e classe girano a braccetto ma non ne conosciamo i volti, noi subiamo.
Le speranze, i condizionali. Fa tutto parte della stessa filosofia, una saggia filosofia e come tutto ciò che è saggio va a farsi fottere. E fa male...anche se in maniera saggia.
Per la dignità non c’è conto in banca..
Chi lo avrebbe mai detto che qui, nella città degli angeli, la felicità ci fosse accanto mentre la scacciavamo dalle nostre menti zittendo il cuore. Quando ora ci sentiamo soli mentre zittiamo il cuore per ascoltare una ragione che non ha più niente da aggiungere.
Niente neve, epifanie. Dolce e amaro.
E se Dio fosse figlio della sola disperazione. Sarebbe nobile allora ?
Proviamo a curare delle piaghe che forse neanche esistono: sesso, alcol, droga., musica alle quattro di mattina. Stelle filanti di adulti ancora vivi, che se ci preoccupassimo di meno forse i brunch sarebbero più in voga.
Meno lacrime anche sotto la pioggia. Meno silenzi anche nei finali.
Le notti che svaniscono.

JL

lunedì 9 febbraio 2015

Cavalli bianchi





Nei libri le persone non muoiono per davvero. Si perdono tra le virgole.
Nei film solo i cattivi, quelli cattivi per davvero, muoiono. Solo loro.
Nei bordelli non muore mai nessuno. Qualcuno, anzi, potrebbe giurare di esserci rinato.
In California non si muore mai sul serio. Per quello hanno inventato il Missisipi.
Negli assoli di chitarra è vietato morire. Sudore, disagi ribaltati e pantaloni di pelle.
Sui campi di calcio non si muore. Il vento pettina il fango, la leggenda e tutto il resto.
Nel sesso si muore per rinascere. E' particolare, vieni da dove sei venuto ma non è mai come la prima volta.
Nella droga si muore quando la droga finisce. Il resto sono viaggi e poi magari non ti sei mai mosso da un divano sottoterra sopra il cielo.
Nell'alcol si muore quando il barista presenta il conto. Sempre la mancia, bastarda antisportiva, peggio della speranza.
Nei ricordi non si muore mai. Non si invecchia mai. Non si sbiadisce mai. E tuttavia sono un tesoro pericoloso. Le cose non sono mai come ce le ricordiamo, altrimenti non ne parleremmo al passato.
Nelle bugie non si muore. Sono le verità mai dette a stroncare i cuori di chi si è trovato per caso e non si è più lasciato.
A Kroy Wen non si muore mai, al massimo si viene mangiati in una partita a scacchi.
Nel dolore, nella malattia, nella morte...non si muore. Mai. S’intravvede la vita, quella stilettata di fatica e nobiltà, appena prima di lasciare il posto a qualcun altro.
Non si muore mai all’alba, la rugiada e i buoni propositi prendono il nostro posto.
I grandi non muoiono mai. Auto veloci, pistole, aerei. L’uscita di scena è fondamentale, per gli altri.
Solo nella vita vera si muore per davvero. Ma chi può dirlo. Siamo proiezioni di anime, ombre su un muro. Scopiamo, facciamo l'amore e al momento dell'orgasmo un angelo ci tira un pungo e cala il sipario.

Non si muore mai ma nel caso..nessuno ti aiuta a morire

Fine
JL

domenica 25 gennaio 2015

Nella





Una vita
nelle vene di mani vissute
centimetri di passato costruito
come l’industria sotterranea di una città avvolta nell’alba.
La lente che filtra l’arte di una vita trascesa
scale in un salotto che portano
chissà dove
chissà perchè.
Una storia
case vestite e passate,
mai dimenticate.
Campi di fragole,
Cristi e Madonne.
Arte nelle arti.
Il destino degli uomini declinato nel ricordo dell’infinito
eco dell’eternità
silenzio immemore di gesta semplici.
Un abbraccio,
un sorriso,
un pensiero.
Due tende apparse una notte tardi
e svanite a un respiro dalla resurrezione del giorno.
Polvere fine d’amore, unico decoro dell’anima.

Fine
JL

venerdì 23 gennaio 2015

Anime in rapsodie fuse





Letale
l'eleganza seducente di un piano
accarezzato.
Le code di una storia
perse nel buio
di un tenda smossa
da un respiro rosa nostalgico
intermittente.
La schiena di lei
levigata
nei sali e scendi
del destino del mondo.
La pace muta
di un unico senza ritorno
chiuso in due gambe strette
avvolte al desiderio
premute contro il cuore di un muro.
Due bocche serve del medesimo ritmo
anime in rapsodie fuse,
gocce leccate giù dai colli.
Tutto il mistero che cerco
è qui
nel infinito di un istante evanescente
in un sussurro bagnato
una preghiera interrotta
seni come colombe di pace
nel caos calmo apparente.

Fine
JL

mercoledì 21 gennaio 2015

Un alcolista e una muffetta di nome Peggy Splendor





“..ed è così che abbiamo calato una muffetta dentro un bordello ungherese...”

Risero tutti. La storia della muffetta calata nel bordello ungherese era un evergreen intramontabile. Che poi a ripensarci chissà dove diavolo l’avevamo pescata una fottuta muffetta. Mi ricordo che si chiamava Rusty e che aveva avuto un’infanzia difficile, sua madre era una scopa e suo padre un cavallo pezzato della Bavaria. Cresciuto in condizioni disagiate, Rusty si era trasferito a Budapest per cercare fortuna nel campo dello spettacolo. In effetti ebbe un periodo di celebrità quando venne scritturato per la pubblicità di una nota marca di cioccolata, ma finita quell’esperienza non seppe reinventarti e così finii, come molti, preda di un lavoro inutile la mattina, come lustra scarpe alla stazione, mentre la sera intratteneva i clienti del St.Papper, il club più trasgressivo di Budapest, girando su una minimoto con una bandiera ungherese appesa all’argano. Per quel numero si era guadagnato il soprannome di smosciacazzi. Rusty, magnifica muffetta con alle spalle una storia intensa come solo quelle dei marinai storpi.

“Te ne devi andare”
“Perchè ?”
“Tu lo sai”
“No, non lo so.”
“Allora te ne devi andare per capirlo”
“Devo andarmene per capire perchè me ne devo andare ?”
“Sì.”
“Ma non ha senso...”
“Vattene..”
Era inutile starne a parlare, è spesso inutile parlare, così tirai un sospiro accondiscendente e dissi solo: “Va bene, ok.”. Il giusto indispensabile, conciso, breve, secco.

Il portone era formato da due porte distinte ma entrambe stavano per chiudersi.
Si stavano chiudendo.
Si erano quasi chiuse.
Ancora un sospiro.
Chiuse.
Faceva freddo per la strada. Una di quelle strade parallele del cazzo cui nessuno fa caso, neanche i tassisti, almeno fino a quando non ci capitano.
Non avevo meta, avevo dieci dollari in tasca e portavo un paio di occhiali da sole che costavano la metà dei soldi che avevo. Ai piedi due anfibi, addosso dei jeans strappati oltre qualsiasi moda potesse esserci, a meno che la povertà facesse ancora moda o l’avesse mai fatta. Sopra portavo un blazer lungo, grigio e sgualcito che copriva una canotta con la scritta shamless, regalo inconsapevole dell’ultima regina che mi aveva aperto le gambe appena prima di chiudermi la porta in faccia. Maledetti corsi di chimica applicata.
Non penso che potrò andare avanti con la narrazione senza soffermarmi prima sui miei occhiali. Non erano un cazzo di niente eppure mi conferivano un’aria da duro da cinque dollari e un tot che non avrei avuto neanche rovesciando il drink a Dio mentre questi si bullava a un convegno di liceali arrapate sulla sua capacità di rifornire di alcolici il mondo.
Passai dal panettiere e comprai una birra. Passai a un bar e presi del vino. Passai in un negozio spacca prezzi e presi una bottiglia di whiskey, una di vino in offerta e una di birra che mi lanciarono. Una matrioska di alcolismo, in sostanza. “Senza sacchetto, prego”, intimai al cimicianga che mi stava servendo.
Proseguii per la mia strada. Bevendo e, di tanto in tanto, fumando.
“Chi cita Neruda, chi Baricco. Nessuno cita mai se stesso, c’è troppo umiltà nel mondo. Tutti a parlare di cazzate, nessuno a citare mai il proprio cazzo e dire che di arie questo argano rosa ne regala quasi a ogni respiro. Il cazzo è l’unico amico che conosca che non ha mai avuto paura di sputare in faccia a nessuno e questo è tutto il carattere che cerco nel mondo di oggi, scusate se è poco”. 
Riflessioni, passi, sguardi d’intesa con barboni o forse erano solo ex rockstar tornate per un bis di troppo.
Passai Bloomberg, il quartiere degli ebrei. Mi chiesero una libbra di carne, accettai in cambio di un trapianto di fegato, mi dissero che mi avrebbero fatto sapere. Non li avrei più sentiti, lo sapevo.
Passai per St. James Street il quartiere dei neri dove viveva il mio più caro amico nonché agente. Paul Jager era un agente, il mio agente, più di nome che di fatto, l’ultimo lavoro che mi aveva trovato era scaduto nella seconda metà degli anni ’90, poi era stato un lento declino, io cinico e stronzo, sempre a fare quello difficile da conquistare e lui con la sua mania di...a dire il vero non aveva nessuna mania in particolare, era un’anima triste e pia come tutti noi, in realtà era solo uno sfigato. Una volta nel suo ufficio si stava smanettando, quando la riunione che lui pensava si sarebbe svolta un’ora più tardi gli sfondò l’ufficio con un’ora d’anticipo. Quella riunione doveva decidere le sorti della trasposizione cinematografica del libro che mi aveva portato alla ribalta “Vita: un misto di seghe e aragoste”. Il buon Paul preso di soprassalto nell’apice del suo smanettamento era venuto sui piedi della direttrice dell’Unreal Picture. Non ho mai visto una donna schizzare fuori da un ufficio così in fretta e al contempo depennare due nomi da una lista “gente gradita” per aggiungerli ad un’altra “maledetti stronzi”. Ma era successo ed era comunque un primato. Bicchiere pieno, bicchiere vuoto e poi vieni sulle scarpe di chi ti dà da mangiare, questa è una vita ben spesa.
“Jacky”
“Eiaculator”
“Ancora con questa storia. Sai benissimo che in quei momenti c’è una situazione di non ritorno oltre la quale per l’appunto non ritorni”
“Certo, certo, ma è insolito che questa fase arrivi ben sette secondi dopo aver iniziato a menarselo”
“Ero stressato”
“Adesso si dice così, Pollicino ?”
“Bravo, bravo, molto maturo”
“Dai amorevole segomane mascherato, sai che sono il tuo fan numero uno. Che mi dici, offerte di lavoro ?”
“Come ieri e ieri e ieri...e ieri...e tre anni fa...e sei anni fa...”
“Ho capito il concetto, però cazzo quanto ostracismo per una sega finita male”
“Oh ma no no no amico mio, lascia che ti chiarisca la panoramica. Se fosse solo per la Unreal Picture noi potremmo ancora lavorare con il fottuto 95% dell’industria dell’intrattenimento”
“E scommetto che stai per dirmi il motivo per cui questo non avviene”
“Non so Jack tu come lo definiresti uno che al party degli Oscar viene beccato in bagno con tre delle attrici candidate al premio principale mentre tira su delle discrete strisce di allegria dal loro buco più sacro. O cosa mi dici di quando al festival letterario di Berlino ti sei presentato completamente sbronzo e dopo aver molestato un nano che ritenevi fosse una maschera in gara ad un altro padiglione, hai coniato una bestemmia che mi hanno assicurato non esistere nella lingua tedesca e che finiva con “..Katze in Höschen”. Lo sai cosa significa ? Significa “gatto in mutandine”, un “fottuto gatto in mutandine.”
“Questo tuo razzismo verso i gatti raffinati non lo...”
“Ohhhh per Dio ti sei sbattuto la moglie del principale magnate televisivo del nostro Paese e il nostro Paese è un fottuto continente”
“Ma lui era di là nell’altra stanza...”
“Questa non è una giustificazione, soprattutto perchè poi gli hai pisciato addosso”
“A mia discolpa posso dire che il suo mi sembrava davvero un principio di auto combustione”
“Ok, ok. E la tavoletta di ribes che hai sapientemente infilato nel culo della pop star che voleva che le scrivessi un pezzo ?”
“Non volevo scrivere per lei”
“Tavoletta di ribes. Culo. Perchè ?”
“Vabbè allora diciamo che le colpe sono cinquanta e cinquanta”
“Vattene”
“Dai Paul”
“No Jacky, davvero. Sono depresso, sobrio e voglio farmi una sega guardando un cartone animato”
“C’è qualcosa di marcio in questa dichiarazione d’intenti e non credo sia la sobrietà questa volta”
“Vattene”
“Ti chiamo dopo Sborrolo: el segator mascherado”
“Sparisci”

Richiusi la porta. Di nuovo per strada. Niente lavoro. Dieci dollari e un tot nelle tasche. Il resto delle mie bottiglie e degli occhiali da vero duro.
Passai per il Maple Center, il quartiere/riserva degli indiani dell’Umbria. Avevo tanti amici con cui avevo condiviso dei viaggi fantastici, tutti nati sul divano, svolti sul divano e terminati sul divano. Questo era il peyote e questo il modo in cui loro vivevano la vita.
Mi squillò il telefono.
Mi ricordai subito dopo di non possedere un telefono.
Risposi.
“Ciao Papà”
“Ciao amore mio. Aspetta ma io non ho una figlia”
“Papà ogni volta fai questo scherzo”
“No davvero, io non ho una figlia.”
“Papà sto partendo”
“E dove vai ?”
“E’ questo il punto, non lo so. Mi hai sempre detto che dieci dollari, dell’erba e la confusione erano tutto quello che serviva per un viaggio”
“Sì ma parlavo di me”
“Papà amo il country. Amo scrivere e suonare”
“Sei mia figlia per forza”
“E bere. E fare l’amo...”
“Ok basta, credo di aver capito”
“Papà non mi perderai mai”
“Lo so. Ti ho conosciuto tanti anni fa prima che tu nascessi. Ti ho sognato fino a quando sei arrivata e da quando ci siamo incontrati, mi sono innamorato di te. Mi dispiace per tutto...ma ti amo”
“Anche io papà”
“Per qualsiasi cosa..”
“Questo dovrei dirlo io a te”
“Ciao Peg...fai buon viaggio”

Ero quanto mai sicuro di non avere un cellulare ma ero fottutamente più sicuro di aver appena parlato con una figlia che per certo non avevo.

“Ehi tu”
Mi voltai richiamato dall’insopprimibile voglia di sotterrare con proverbi e aggettivi quella raccapricciante forma gergale che insinua amicizia e contatto tra sconosciuti.
“Ehi tu un ca...”, non finii la frase. Una surfista bellissima e in topless con la sua tavola sotto il braccio e una chitarra sulle spalle mi stava sorridendo. I miei sensi di scrittore fremevano ma forse in tasca non avevo una penna questa volta. “Sei meravigliosamente bella ma non credo che questo ti salverà dal dovermi offrire un drink per quel Ehi tu”
“E se ti offrissi di più ?”
“Il drink serviva a questo, oltre che a placare quelle fastidiose voci che mi rincorrono ma va bene. Senti, ecco, però sarebbe meglio andare da te”
“Non c’è mai stata un’altra opzione”
Stavo per fare una cosa che solo i nerd più sfigati e brufolosi comprenderanno ma non mi vergogno di dire che in quel momento mi sentivo il Superman degli sfigati. Mi tirai un pizzicotto scarnificandomi metà braccio sinistro, poi mi tirai un ceffone. Ero confuso ma ne era valsa la pena: non stavo sognano. “Ti seguo”
Il tragitto non era particolarmente lungo, qualche centinaia di metri sulla Dolorean Street, girammo sulla quinta e, passate un paio di rotonde, prendemmo la prima a sinistra, per arrivare a una via chiusa nel quartiere Mayhem, quello residenziale dove abitavano tossici, celebrità, politici...insomma il 95% della popolazione coi soldi, diventato tossico per fare soldi o per dimenticare di come li aveva fatti.
C’era una porta innanzi noi, marroncino il colore anche se ormai tra ruggine e sgraffiate di gatti e barboni sembrava più che altro un quadro di Francis Bacon.
“Accomodati, percorri il corridoio. In fondo troverai una sala con delle seggiole a cerchio e un tavolo per il rinfresco, serviti pure e aspetta Hank, sarà da te tra poco”
“Aspetta, forse ho frainteso, ma tu ed io ?”
“Chissà, forse dopo”
Normalmente avrei accettato la sconfitta, avrei lenito il mio orgoglio con del whiskey e me ne sarei andato. Ma qualcosa dentro di me mi diceva di rimanere e per quanto questo mi faccia apparire gay per una volta non erano le grazie di una donna. Decisi di rimanere.

Arrivai nella stanza, guardai il tavolo del rinfresco senza nessuna emozione e nello stesso modo lui rispose. Presi posto e aspettai che questo celeberrimo Hank venisse da me.
Paura ?
Ansia ?
Atarassia. O forse erano solo gli effetti della mia vita. La sbronza della vita ci mette di più a scendere e non intacca il fegato ma il....
Cinque minuti.
Dieci minuti.
Mezz’ora
“Ciao”
All’improvviso quattro ragazzi che sembravano i membri di una boy band portoricana mi salutarono in coro
“A voi”
Erano in quattro. Il primo e più basso aveva una barba curata, come l’abbigliamento, si chiamava Sergio Miralego e vendeva macchine a Houston, macchine per fare cose.
Il secondo si chiamava Chesky Baromboin ed era un inventore di mestieri. Il suo curriculum era abbondantemente più lungo della Divina Commedia ma nessuno lo aveva mai visto lavorare. Lui si giustificava dicendo di essere un cecchino sotto copertura per conto della Polonia, anche se in realtà veniva da Madonnina Calabra in provincia di Poggio Reale.
Il terzo era uno spilungone, si chiamava Ennio Moreno ed era un killer di animali assoldato dalle più grosse case alimentari del mondo per farsi concorrenza sleale tra di loro. Una volta ha ucciso un branco di mucche pitone usando solamente dello spago da cucina, una pinzatrice e dell’aria che si era fabbricato da solo nell’intestino.
Il quarto era il più fisicato dei quattro, si chiamava Jerry Tuamadre ed era un italosardo ex impiegato al casello, ora pugile da luna park. Nessuno batteva i suoi record. Nessuno si era mai neanche permesso di provarci. E ogni volta che c’era un record da battere tutta la gente del luna park gli si faceva intorno, lui gonfiava il petto pieno di orgoglio e urlava “chi può farcela ?”, e tutti in coro “Tuamadre”. Bravo ragazzo, impulsivo, ma bravo...almeno a detta dagli amici, io lo conoscevo da tre minuti e trentatrè.
“Ora tocca a te..”
“Come ?”, risposi riavutomi da quel momento no sense.
“Presentati. Chi sei, che fai ?”
Ero riluttante ma dopo aver guardato il bicipite di Tuamadre risposi “Mi chiamo Jack Moody e sono uno scrittore. A dire il vero scrivo per lo più poesie. E a dire ancora più il vero le poesie che scrivo derivano dalla vita che vivo. Ho un particolare amore per la chitarra, la musica impolverata e il genere femminile soprattutto quando è zuppo e io sono senza ombrello. Per il resto dovrete offrirmi da bere”

“Ottima introduzione Signor Moody, ottima davvero”
“Grazie....”
“Sono Hank Chinlansky e sono il vostro...”
“Stregone”, disse Sergio scatenando l’ilarità del gruppo mentre li fissavo basito.
“No, non sono uno stregone. Ovviamente”
“Peccato perchè sapevo una storia incredibile su uno stregone che in realtà era un barbone che si faceva fare un pompino in cambio di tre fagioli magici”, sentenziò per dissipare lo scetticismo generale.
“Davvero notevole. Purtroppo non sono uno stregone, io sono un caburburu che in africano vuol dire “colui che cura l’anime delle persone a cavallo ma anche le anime di chi non va a cavallo ma ha un animale domestico ma anche le anime di chi non va a cavallo, non ha un animale domestico però beve gin tonic” e questa è una seduta di alcolisti anonimi”
“A parte che io nono sono anonimo per niente”, precisai sin da subito.
“Lo ben so Sig Moody” e mi voltò in faccia la copertina del mio primo libro “Meglio un ubriaco famoso che un alcolista anonimo
“Noi non siamo alcolisti”, dissero in coro gli altri quattro ma un’occhiata di Hank bastò a rimetterli in ordine.
“Allora, cominciamo. Sig Moody lei perchè pensa di essere qui ?”
“La ragazza”
“Sesso, quindi.”
“Si suppone che dopo le carte e i disegni, con una donna arrivi anche quel momento”
“Ah ah ah lei è proprio come i suoi libri.”
“In offerta al super mercato ?”
“Sagace e cinico. Signor Moody cosa pensa lei della vita ?”
“Risponderò alla sua sussiegosa domanda appena prima di andarmene. Mi accesi una sigaretta, feci un occhiolino a Gesù e uno a un vecchio cantante rock con cui avevo pippato eroina che poi avevo scoperto essere talco mentolato.” Presi fiato e: “Ci sono due o tre cose che penso della vita e nell’ordine sono:
1)      Viviamo un periodo storico nel quale se uno conforta il prossimo dicendogli "siamo sulla stessa barca" l'altro gli risponde "siamo dei profughi ?"
2)      Nel frattempo in questo stesso periodo storico il senso etimologico della parola razzista è divenuto: "individuo che ha un'opinione non qualunquista riguardo a un qualsiasi argomento".
 Siccome non c’è due senza tre, al terzo posto le dico che l’uomo ha progettato questa vita a prova di uomo e ora fa il nichilista perchè non sa più come riempire questo vuoto. Ha fatto tutto da solo e si lamenta pure. Ma l’incoerenza non è certo una novità da queste parte e per continuare...”
“Ok, ok, ottimo inizio. Ottimo”
“Grazie maestra. Ma cosa centra questo coi i miei problemi di alcolismo ?”
“E cosa centra una muffetta vestita in latex in un bordello in Ungheria ?”
“E lei come fa a sapere della tuta in latex ?”
“Ci torneremo”
“Ci può scommettere le ghiande che ci torneremo.”
“E voi quattro invece cosa mi dite ? Che ne pensate della vita ?”
Come al solito iniziò Sergio: “Io credo che la vita sia fondamentalmente, in sostanza, una combinazione di obladì obladà”
Chesky invece disse: “La vita è come un’aragosta, costa un occhio della testa, ci si mangia poco e quando sta per finire capisci che forse non ne valeva tutta sta pena”
Fu poi il turno di Ennio: “La vita è come una donna che ingoia. Pensi di comandare ma è lei che ti tiene per le palle”, delicatissimo...
Infine Tuamadre che disse “La vita è come una sega. Solo dopo essere venuto pensi “ma valeva la pena di far tanto casino ?”
“Bene, bene davvero”, commentò il Dottor Hank che poi continuò “Scorgo nelle vostre parole una linea comune, secondo voi cosa significa ? Anzi ho un’altra domanda, voglio, vorrei, che mi diceste la prima cosa che vi passa per la testa”, e mi fissò.
“Cazzo, e va bene....allora Almost. Mosto. Mesto. Misto. Masso. Matto. Atto. Tatto. Patto. Passo. Casco. Lasso. Asso. Basso. Materasso. Satanasso. Carso. Tarso. Falso”
“Ha finito con falso”
“Leccami le palle stronzo non faceva rima”
“Già...Sergio e poi gli altri”
Senza alcun motivo apparente Sergio tirò fuori una frase più insolita di un rutto fatto dal Papa. “Ho scoperto che spesso la vita è una condanna peggiore eppure più onorevole della morte.”
Poi fu il turno di Ennio. “Ci sono tre bagni e mezzo e a volte la verità sta nel pisciare in una bottiglia appena scolata”, profondo...a modo suo.
Chesky ci e si sorprese dicendo “La vita è quello che succede quando ti risvegli da una sbronza, vuoi scopare ma non hai una donna così opti per una sega ma poi la rimandi e torni a bere, descrivendo al mondo com’è quello che non stai facendo e come sarebbe potuto essere quello che non hai fatto”.
Infine Tuamadre che ancora una volta ci commosse: “Più che amare, brucia per una persona. Che le cose siano quello che siano, lasciale andare...e fan culo. Sii qualcosa con qualcuno. E basta”.
“Signori sono sinceramente colpito”, si lasciò sfuggire Hank che poi proseguii “adesso parliamo di alcolismo. Perchè bevi Jack”
“Per lo stesso motivo per cui abbracciare una donna innamorata e abbracciare una donna che ti ama sono due lati della stessa medaglia che tuttavia appartengono a due mondi che non si incroceranno mai”
“Perchè dici così ?”
“Potrei anche dirglielo, provarci...ma davvero, farebbe qualche differenza ?”
“Non lo so, lo farebbe ?”
“Lei è uno di quei dottori del cazzo che lascia fare tutto al paziente e poi lo sbatte via chiedendogli trecento dollari e il numero della sorella ?”
“Io non sono un dottore”
“Ecco...”
Sergio si inserì nella conversazione “Credo che arrivi un momento dell’ubriacatura dove tutto è troppo. C’è un bivio. L’arte prosegue, la vita prosegue. L’uomo si ferma.”
“Interessante, Chesky, Ennio, Tuamadre, voi cosa ne pensate ?”
“Io credo semplicemente che un domani ci volteremo indietro e nei nostri casini troveremo l’arte dei questi nostri giorni”, sentenziò Chesky mentre gli altri due annuivano.
Tuamadre anticipò Ennio e aggiunse: “Ho tutto un mondo qui, chiuso in questo pugno di carne che sussulta a istanti alternati ma non ho mai posseduto realmente la chiave per comprenderlo. Ho pensato di sì, in certi momenti, ma invece no”
E poi Ennio venne posseduto per un istante dall’ispirazione e concluse: “La malinconia crea dipendenza, sai perchè ? Perchè senti che qualcosa ti appartiene ma non ne sai il motivo”.
“Non pensavo ma siete più interessanti..di quanto...cioè...non è facile spiegarmi”, balbettò Hank che poi si alzò in piedi ed estrasse da dietro i pantaloni una beretta semiautomatica.
Rimanemmo tutti pietrificati e Sergio fu il primo a chiedere a Hank il perchè. Ma certo, pensai io, una rapina, era ovvio sin dall’inizio, come avevo potuto non pensarci...ah già, cazzo, l’alcolismo. Vabbè ormai ero fottuto, speravo che mirasse al cuore almeno, cazzo di vanità anche nella fine”.
Hank non disse una parola, non mosse un muscolo del viso. Semplicemente premette quattro volte il grilletto. Sergio, Chesky, Tuamadre ed Ennio. Quattro colpi, quattro teste esplose e quattro cadaveri, che però non caddero a terra. Smaterializzati, scomparsi.
Iniziavo ad essere confuso. 
“Sei confuso”, disse Hank risiedendosi.
“Sì”
“Lo so”
“Cazzo hai appena sparato a quattro persone”
“In realtà non ho sparato a nessuno, vedi cadaveri ?”
“Che cazzo sta succedendo ?”
“Siediti”
“Mi sedetti”
“Adesso dimmi, sei felice ?”
“Io scrivo, sono una serie di alti e bassi, rock’n’roll, aulin e whiskey, che cazzo di domanda è ?”
“Sei felice ?”
“Sono incasinato”
“Perchè ?”
“Se lo sapessi non sarei incasinato”
“Sei incasinato perchè non dimentichi”
“Io non voglio dimenticare, non voglio andare oltre. Il dolore mi ricorda il mio passato, mi ricorda di me”
“Scuse”
“Ma che cazzo te ne frega, che cazzo vuoi da me ?”
“Sta per finire ne sei conscio ? Lo senti il treno che arriva, il coltello che affonda e..”
“e quello spruzzo che cola. Sì cazzo lo sento”
“Dillo”
“Cosa ?”
“Dillo ?”
“Ok baciami ma se non arrivi alle guance non te la prendere e prova col culo”
“Smettila, dillo. Tu lo sai...che non puoi controllare i tuoi sogni...”
“...Ma posso capire cosa mi dicono”
“Esatto”
“Esatto. Tu come facevi a saperlo, non l’ho mai detto a nessuno”.
“Una muffetta in un bordello ? Telefonate da figlie mai avute. Quattro cadaveri scomparsi nel nulla. Secondo te come faccio ?”
“Cazzo allora la storia dello stregone era vera, va bene ti faccio un pompino ma io non ingoio, ti avviso.”
“Io so, perchè tu sai. Io sono te, almeno quanto tu sei me”
“Schizofrenia portami via”
“Un po’”
“Facciamola finita, passami quella pistola”

E fu allora che mi risvegliai, accorgendomi di essere completamente ribaltato contro una panchina in un immenso prato verde fuori dalla città dei grattacieli.
Un vecchio mi passò di fianco e prima di dedicarsi alle sue scavatrici mi disse: “Ricorda ragazzo, la città dei grattacieli ha solo due cicatrici ma quello è anche l’unico posto dove puoi guardare in basso”
Mi rialzai, rimisi gli occhiali e ripresi il mio peregrinare. Ripensai a quel sogno, visione, che avevo fatto. A Sergio e agli altri ragazzi, a Hank, il mio alter ego. A quel suo insistere, che ora sapevo essere mio, sulle cose da dire. E poi quel vecchio con le sue parole.
Ero un fottuto pazzo che amava bere e aveva un certo talento per scrivere e scopare. Soprattutto ero un fottuto pazzo, uno di quelli più pericolosi, uno di quelli che hanno ancora qualcosa da dire ma non sanno mai come dirlo e nel frattempo perdono sempre le persone a cui dirlo.
Mi lasciai cadere per terra prendendo a testate la nuda terra finchè la mia faccia non fu un’inesauribile dispensa di inchiostro rosso e poi scrissi quello che nessuno delle facce che ero sapeva, solo quello che veniva fuori, così....

Sergio avrebbe scritto: “Mi chiamo Sergio
Remo ?
No
Infatti non hai la faccia da Remo
Sarà per questo che mi chiamano Sergio
Hai una bella faccia da Sergio”

Chesky avrebbe scritto: “Hai presente Schroeder, quello delle tartarughe ninja ? Bhè a una certa ha detto basta col crimine e si è dedicato a esperimenti più o meno scientifici. Uno di questi comprendeva un gatto, una fiala di veleno e una scatola. Prendi gatto e fiala e sigillali dentro la scatola. Per quanto tu ne sappia, da quando la scatola verrà chiusa il gatto sarà sia vivo che morto e lo rimarrà fino a quando tu aprirai la scatola influenzandone il risultato come osservatore.
Va bene ma quindi  ?
L’ho risolto. E’ sbagliata la cavia.
Cioè ?
Mettici una donna nella scatola, quanto può resistere in silenzio ? Problema risolto
Un po’ misogino,
No umbro da parte di padre.
Ma veramente..
Dov’è il mio Nobel per la fisica
Ma io
Il nobel !!!
Guarda che ....
Non lo ripeterò.”

Ennio avrebbe scritto: “La vittoria e la sconfitta delle donne sono entrambe racchiuse nella pratica di fingere l'orgasmo”

Tua madre sarebbe stato il più sintetico: “Ho da dirti solo due cose: vai a farti fottere.
Sono quattro
Come hai notato sono un generoso”

Restavamo in due io e la mia nemesi. Io e mio fratello. Io e l’altra faccia della vita.
io, Jack Moody, avrei scritto: “Ecco una cosa che non ho mai detto troppo, troppo spesso e troppo a lungo: mi manchi. Mi manca..
 Figli, bottiglie, attimi bagnati e casini, solo casini. Mai casa.”

Hank Chilansky avrebbe sicuramente scritto una roba del genere: “Potrei farti discorsi passionali e raccontarti di storie che ti facciano sciogliere ma entrambi sappiamo come si sciolgono quelli come noi. Siamo chitarre nell’alba di un tramonto. Orgasmi in un mondo guardone. Urli in mezzo a un mare che ruggisce. Ci siamo avvinghiati e sciolti e questo è quanto. La memoria della carne, così come quella dell’anima, non svanisce mai.
Non ho promesse da farti. Non ti dirò che andrà meglio. E’ molto probabile che faremo ancora casini, ancora più casini. Ma saremo insieme, sbronzi e passionali. E vivremo per sempre”.

La verità è che non conta che tu sia una muffetta o una figlia vista solo in un sogno, c’è solo una cosa giusta da dire al momento di congedarsi:



“Non ti ho mai tradito Pit, lo giuro”.
Una vita sola non basta, fan culo...

Alla mia Peggy

Fine
JL











venerdì 16 gennaio 2015

Tragedie e valanghe





Le tragedie nascono da piccole inezie
come le valanghe da un unico fiocco dimenticato.
Piccoli sgarbi, dimenticanze
silenzi, amnesie.
Due mani che si perdono,
due sguardi tra la folla,
mancanza di coraggio nutrita dall'insicurezza,
reagire invece che agire
E' sempre un discorso di azioni e parole
Questo non spiega, non toglie il dolore
non serve a niente ma è tutto qua comunque.

Fine
JL

I pazzi amano col cuore ma finiscono nei cazzi





Ti amo da morire
ma non muoio.
Ti amo da impazzire
lucido folle che sono.
Ti amo da sciogliermi
non so s'è amore
o passione. Torrida.
Il tocco delle tue labbra.
Il sapore della tua lingua.
Un abbraccio che è solo l'inizio,
un sipario che è sempre sentenza.
Nella vita s'incontrano due amori
quello indimenticabile è quello che non hai addosso.
il resto sono anime spicciole
la solitudine non si riempie mai
ti tocca d'affrontarla
o di morirci
ma in silenzio.
Il chiodo del desiderio.
Sapere del dovere
ed esistere solo per aggirare la vita,
solo per un bacio. Solo per lei.

Fine
JL