Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

• Come sigarette accese •

Spira il vento di un presagio Forte e chiuso, tu lo sai In una cornice di disagio E  confusione poi nei versi Non parlavo di disagio Ma di un irrefrenabile contagio perpetrato per suffragio
E nel cuore un santuario Dove il Dio è il piccolo taglio ringhia infine la chitarra di un sentimento sussurrato ma tu già non guardi più istruito accecato
Questa povera emozione Senza cuore Senza amore deturpata sotto sfratto ribellata a ‘sto ricatto
RiT: L’inganno brucia in fretta Come sigarette accese su di un piano cartesiano segnato da ragioni incomprese

L’accezione L’abrasione E tu a scappare per la vita code morte ai caselli Come stanchi ritornelli Sempre uguali Senza eguali Ma ci ameremo anche domani ?
Tu mi guardi Io ti guardo E un istante sembra vero Ma alla fine poi lo sai Che si consuma in fretta il cero Di un mondo mezzo vivo Seppellito al cimitero E così un bicchiere colmo Non sembra poi più veritiero
Un tramonto filtra il tutto Tu che vivi da regina Ma è soltanto una vetrina L’ altro lato di una cartina
Rit: L’inganno b…

Ultimi post

• Quella gola ormai salata •

• Considerazioni tra il serio e l'aceto •

• Un buon giorno per morire •

• Cosa diresti ¿? •

• Una vita lavorando in pausa pranzo •

• Che te ne fai di un titolo •

• Non c’è origine alla mia irrequietezza •

• Lo scrittore e l'uomo •

Pensavo fosse un'erezione

Cavalli bianchi